Scarica la nostra estensione

Giovanni Alberto Agnelli

Da Wikipedia, ma visivamente accattivante
Disambiguazione – Se stai cercando la pista sciistica, vedi Giovanni Alberto Agnelli (pista sciistica).
Giovannino Agnelli nel 1994

Giovanni Alberto Agnelli, colloquialmente noto come Giovannino Agnelli (Milano, 19 aprile 1964Venaria Reale, 13 dicembre 1997[1]), è stato un imprenditore e dirigente d'azienda italiano.

Scopri più Giovanni Alberto Agnelli per argomenti

Milano

Milano

Milano è un comune italiano di 1 354 196 abitanti, capoluogo della regione Lombardia e dell'omonima città metropolitana, è centro di una delle più popolose aree metropolitane d'Europa, è inoltre il secondo comune più popoloso d'Italia dopo Roma e rientra tra le venti città più grandi dell'Europa intera.

19 aprile

19 aprile

Il 19 aprile è il 109º giorno del calendario gregoriano. Mancano 256 giorni alla fine dell'anno.

1964

1964

Il 1964 è un anno bisestile del XX secolo.

Venaria Reale

Venaria Reale

Venarìa Reale è un comune italiano di 33 851 abitanti della città metropolitana di Torino, in Piemonte, conurbato nell'area metropolitana torinese, a soli 10 km nord-ovest dalla città di Torino.

13 dicembre

13 dicembre

Il 13 dicembre è il 347º giorno del calendario gregoriano. Mancano 18 giorni alla fine dell'anno.

1997

1997

Il 1997 è un anno del XX secolo.

Imprenditore

Imprenditore

L'imprenditore è una figura professionale che organizza ed è coinvolto nella gestione e nella proprietà di beni, servizi e mercati.

Dirigente d'azienda

Dirigente d'azienda

Un dirigente d'azienda, nell'ambito dell'organizzazione aziendale in economia aziendale, è una persona che nell'azienda o in un ente ha la responsabilità del processo di definizione e del perseguimento di determinati obiettivi, anche detto management.

Italia

Italia

L'Italia, ufficialmente Repubblica Italiana, è uno Stato membro dell'Unione europea, situato nell'Europa meridionale e occidentale, il cui territorio coincide in gran parte con l'omonima regione geografica. L'Italia è una repubblica parlamentare unitaria e conta una popolazione di circa 59 milioni di abitanti, che ne fanno il terzo Stato dell'Unione europea per numero di abitanti. La capitale è Roma.

Biografia

Appartenente a una delle famiglie più importanti d'Italia già al momento della sua nascita,[2] Giovanni Alberto Agnelli era figlio di Umberto Agnelli e della sua prima moglie, Antonella Bechi Piaggio,[3] erede dell'omonima azienda di motocicli, poi acquisita dagli Agnelli. Risposatisi entrambi i genitori, ebbe diversi fratellastri: da parte del padre ebbe Andrea (1975) e Anna (1977), mentre da parte della madre ebbe una sorella, Chiara Visconti di Modrone. Nel 1969 frequentò le scuole elementari al Collegio San Giuseppe di Torino, dove studiarono tutti gli Agnelli. La madre Antonella si separò dal marito Umberto nel 1974 e portò il figlio con sé ad Atlanta, in Georgia, dove possedeva un allevamento di cani. I genitori si risposarono lo stesso anno: Umberto con la principessa Allegra Caracciolo, cugina di Marella (moglie di Gianni Agnelli), e Antonella con il duca Uberto Visconti di Modrone (parente a sua volta di Marella e Allegra Caracciolo).

Giovannino e il padre Umberto

Negli Stati Uniti studiò alla McCallie School di Chattanooga, nel Tennessee, iscrivendosi poi alla Brown University di Providence, nel Rhode Island, per studiare relazioni internazionali, laureandosi con una tesi sul Medio Oriente.[4]

Nel 1982 tornò in Italia, iniziando a lavorare in FIAT, più precisamente alla Comau di Grugliasco, sotto il falso nome di Giovannino Rossi:[5] proprio lo pseudonimo "Giovannino" resterà a lui legato per sempre, soprattutto a Torino dove veniva così identificato e riconosciuto dai vari omonimi in famiglia. Fu soprannominato anche il Delfino di casa Agnelli, titolo che si riferisce all'usanza dei re di Francia di soprannominare Delfino il primogenito del casato reale ed erede al trono, proprio per rimarcare il fatto che Giovannino era stato riconosciuto pubblicamente come erede dell'azienda di famiglia dall'avvocato Agnelli.[6] Dopo l'università iniziò il servizio militare come carabiniere-paracadutista. Il 21 aprile 1986 entrò nel battaglione Tuscania dell'Arma dei Carabinieri; rimase militare di truppa, non potendo fare il corso per ufficiale di complemento poiché lo Stato italiano non riconosceva il suo titolo di studio statunitense. Lo stesso anno comparve nella campagna pubblicitaria dell'Arma volta a rilanciare il Tuscania col nome di "carabiniere Giovanni".[5]

Destinato dallo stesso zio Gianni a succedergli alla guida della FIAT,[7] il 25 febbraio 1993 venne nominato presidente della controllata Piaggio,[4] quindi il 15 novembre dello stesso anno entrò nel consiglio di amministrazione della casa madre.[5] In Piaggio risollevò le sorti del marchio di motocicli e, tra le altre cose, volle fortemente l'allestimento di un museo aziendale all'interno degli ex stabilimenti; questo, a lui intitolato, aprirà i battenti quattro anni dopo la sua morte. L'obiettivo era di creare un luogo in cui celebrare non tanto il brand ma il lavoro delle persone e l'evoluzione della comunità locale intorno all'azienda, per sostenere l'idea che le persone fossero il cuore pulsante della crescita di ogni realtà.[8]

«Le persone sono all'origine della nostra forza. Sono la risorsa e l'intelligenza dell'organizzazione... Il coinvolgimento a ogni livello, il lavoro in squadra, la condivisione degli obiettivi sono necessari per la realizzazione della nostra missione»

Nell'azienda di motocicli Agnelli portò diverse innovazioni e si concentrò su una nuova politica di investimenti in materia di nuove tecnologie e formazione. A lui si deve il laboratorio della Scuola Sant'Anna e il primo approccio a un'attività di incubazione d'impresa.[9]

A inizio anni novanta Giovannino Agnelli era attivo anche nella produzione di vino; si deve a lui la riconversione della Syrah a vitigno di eccellenza.[10]

Nel 1997 convocò una conferenza stampa durante la quale dichiarò di avere un tumore e di essere impegnato in una lotta per sconfiggerlo, rassicurando i giornalisti e affermando che sarebbe riuscito a guarire entro l'estate.[9] Giovannino Agnelli morì il 13 dicembre 1997, a trentatré anni, per una rara forma di cancro all'intestino,[11] nonostante le cure in centri specializzati negli Stati Uniti.[12]

Scopri più Biografia per argomenti

Antonella Bechi Piaggio

Antonella Bechi Piaggio

Antonella Bechi Luserna Piaggio è stata una dirigente d'azienda italiana.

Andrea Agnelli

Andrea Agnelli

Andrea Agnelli è un imprenditore e dirigente sportivo italiano.

Agnelli (famiglia)

Agnelli (famiglia)

Gli Agnelli sono una famiglia di imprenditori italiani con partecipazioni in diversi settori, includendo quello automobilistico attraverso la FIAT durante il XX secolo e quello sportivo attraverso, dal 1949, la maggioranza azionaria della Juventus nonché la proprietà della Sisport.

Atlanta

Atlanta

Atlanta è una città degli Stati Uniti d'America, capitale dello Stato della Georgia. Nel 2019 la popolazione era stimata in 506 811 abitanti, mentre l'area metropolitana con 5 457 831 persone era la nona di tutti gli Stati Uniti d'America. Atlanta è divisa amministrativamente in due contee, la contea di Fulton e quella, meno estesa, di DeKalb.

Allegra Caracciolo

Allegra Caracciolo

Donna Allegra Caracciolo di Castagneto, vedova Agnelli, è una filantropa italiana, Presidente della Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro.

Marella Agnelli

Marella Agnelli

Marella Caracciolo di Castagneto è stata una collezionista d'arte, designer e fotografa italiana. Era la moglie di Gianni Agnelli.

Chattanooga

Chattanooga

Chattanooga è una città dello Stato del Tennessee, con una popolazione di 181 099 abitanti censiti nel 2020. Quarta città del Tennessee, è il capoluogo della contea di Hamilton. Situata nel Tennessee sud-orientale, sul fiume Tennessee, servita da più ferrovie e autostrade interstatali, Chattanooga è un hub di transito. Chattanooga si trova 120 miglia (190 km) a nord-ovest di Atlanta, Georgia, 120 miglia (190 km) a sud-ovest di Knoxville, 135 miglia (217 km) a sud-est di Nashville, Tennessee, 120 miglia (190 km) a nord-est di Huntsville, Alabama e 148 miglia (238 km) a nord-est di Birmingham, Alabama.

Rhode Island

Rhode Island

Il Rhode Island, ufficialmente Stato del Rhode Island, è uno stato degli Stati Uniti d'America, nella regione della Nuova Inghilterra. È il più piccolo per superficie, il quarantatreesimo per popolazione e il secondo per densità abitativa, preceduto solo dal New Jersey. La capitale è Providence.

Medio Oriente

Medio Oriente

Il Medio Oriente è una regione storico-geografica che comprende territori dell'Asia occidentale e dell'Africa settentrionale (Egitto) e in esso a volte è distinto anche il cosiddetto Vicino Oriente: arabi, persiani e turchi costituiscono i maggiori gruppi etnici per numero di abitanti, mentre curdi, azeri, copti, ebrei, aramei, assiri, armeni, circassi, berberi e altri gruppi formano minoranze significative, mentre le tre principali religioni monoteiste sono sorte proprio in quest'area.

FIAT

FIAT

FIAT è una casa automobilistica italiana, parte del gruppo Stellantis.

Comau

Comau

Comau è una società italiana, parte del gruppo Stellantis, con sede a Torino, specializzata nell'automazione industriale. Presente in 13 Paesi, realizza tecnologie per la produzione di veicoli elettrici, ibridi e tradizionali, robot industriali e collaborativi, robotica indossabile, strumenti per la logistica a guida autonoma, centri di lavorazione meccanica, servizi digitali interconnessi e sistemi per trasmettere, elaborare e analizzare dati macchina e di processo.

Grugliasco

Grugliasco

Grugliasco è un comune italiano di 36 538 abitanti della città metropolitana di Torino in Piemonte, conurbato nell'area metropolitana del capoluogo piemontese, a soli 5 km ovest da esso.

Politica imprenditoriale

«La funzione dell'industria non è solo e neanche principalmente quella del profitto. Lo scopo è migliorare la qualità della vita mettendo a disposizione prodotti e servizi.»

(Giovanni Alberto Agnelli in occasione del cinquantenario della Vespa, Roma, 19 settembre 1996)

Agnelli è sempre stato interessato alla politica ed interlocutore d'eccezione di molti politici, tra cui Walter Veltroni, grazie alle sue idee innovative e alla sua attenzione per l'etica e il benessere delle persone.[13] Viene ricordato come un imprenditore illuminato e impegnato nella vita pubblica, convinto che fare impresa non volesse dire solo creare guadagno ma anche migliorare la vita della comunità. Spesso si è espresso su questioni di materia finanziaria, come ad esempio il divario tra il netto salariale e il lordo, e la legge fiscale italiana. Nella sua attività imprenditoriale è stato tra i primi a lasciare ampio spazio ai valori dell'azienda, a tutelarli e a metterli al primo posto, anticipando i tempi e proiettando l'azienda di famiglia verso uno sviluppo socialmente sostenibile.[14] Fu uno dei primi imprenditori a sostenere che un'azienda per continuare a crescere deve promuovere lo sviluppo del contesto in cui è inserita, quindi del territorio e della comunità locale, con una serie di investimenti mirati e relazioni con le realtà circostanti.[9] Uno degli episodi per cui è ricordato è che appena arrivato in Piaggio Giovannino aveva fatto redigere un manifesto dei valori[8] dell'azienda in cui tra i primi punti figurava:

«La nostra azienda ha tra i propri punti di riferimento fondamentali la responsabilità sociale. In tale ambito ritiene prioritarie le problematiche della sicurezza e dell’impatto ambientale, dei prodotti come dei processi produttivi»

Vita privata

Il 16 novembre 1996 aveva sposato l'anglo-americana Frances Avery Howe,[15][16] architetto, conosciuta quand'erano entrambi studenti alla Brown, dalla quale aveva avuto la sola figlia Virginia Asia, nata il 16 settembre 1997.

Ascendenza

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Giovanni Agnelli Edoardo Agnelli  
 
Aniceta Frisetti  
Edoardo Agnelli  
Clara Boselli Leopoldo Francesco Primo Boselli  
 
Maddalena Lampugnani  
Umberto Agnelli  
Carlo Bourbon del Monte, IV principe di San Faustino Ranieri Bourbon del Monte, III principe di San Faustino  
 
Maria Francesca Massimo  
Virginia Bourbon del Monte  
Jane Allen Campbell George Washington Campbell Jr.  
 
Virginia Watson  
Giovanni Alberto Agnelli  
Giulio Bechi Giovanni Bechi  
 
Giulia Cortini  
Alberto Bechi Luserna  
Albertina Luserna Alberto Luserna  
 
Ventura Estrázulas y Carvalho  
Antonella Bechi Piaggio  
Giacomo Antonelli  
 
 
Paola dei conti Antonelli  
 
 
 
 

Scopri più Ascendenza per argomenti

Giovanni Agnelli (imprenditore 1866)

Giovanni Agnelli (imprenditore 1866)

Giovanni Agnelli è stato un imprenditore, politico e militare italiano. Fu senatore del Regno d'Italia nella XXVI legislatura.

Edoardo Agnelli (imprenditore 1831)

Edoardo Agnelli (imprenditore 1831)

Edoardo Carlo Tommaso Agnelli è stato un imprenditore e politico italiano, padre di Giovanni Agnelli, cofondatore della FIAT.

Aniceta Frisetti

Aniceta Frisetti

Aniceta Frisetti fu una filantropa italiana, membro della famiglia Agnelli per matrimonio con Edoardo, il capostipite; è la madre di Giovanni Agnelli, fondatore della Fiat.

Edoardo Agnelli (imprenditore 1892)

Edoardo Agnelli (imprenditore 1892)

Edoardo Agnelli è stato un imprenditore e dirigente sportivo italiano.

Umberto Agnelli

Umberto Agnelli

Umberto Agnelli è stato un imprenditore, dirigente sportivo e politico italiano.

Virginia Bourbon del Monte

Virginia Bourbon del Monte

Virginia Bourbon del Monte vedova Agnelli fu la moglie di Edoardo Agnelli e madre di Gianni Agnelli, Susanna Agnelli e Umberto Agnelli.

Giulio Bechi

Giulio Bechi

Giulio Bechi, noto anche con lo pseudonimo di Miles, è stato un ufficiale e scrittore italiano.

Alberto Bechi Luserna

Alberto Bechi Luserna

Giovanni Alberto Bechi Luserna è stato un ufficiale e scrittore italiano.

Antonella Bechi Piaggio

Antonella Bechi Piaggio

Antonella Bechi Luserna Piaggio è stata una dirigente d'azienda italiana.

Paola dei conti Antonelli

Paola dei conti Antonelli

Paola Antonelli è stata una nobildonna italiana. Conosciuta anche come Donna Paola, nota per essere stata la moglie dell'imprenditore italiano Enrico Piaggio.

Fonte: "Giovanni Alberto Agnelli", Wikipedia, Wikimedia Foundation, (2023, February 19th), https://it.wikipedia.org/wiki/Giovanni_Alberto_Agnelli.

Ti piace Wikiz?

Ti piace Wikiz?

Ottieni subito la nostra estensione GRATUITA!

Note
  1. ^ La Stampa, domenica 14 dicembre 1997
  2. ^ Agnelli: identikit di una famiglia diventata leggenda, su Donna Glamour, 11 luglio 2019. URL consultato il 14 giugno 2021.
  3. ^ https://www.ilsussidiario.net/autori/emanuele-ambrosio, Antonella Bechi Piaggio, figlia adottiva Enrico Piaggio/ Matrimonio con Umberto Agnelli e un triste destino, su IlSussidiario.net, 12 novembre 2019. URL consultato il 14 giugno 2021.
  4. ^ a b Corriere 26 febbraio 1993
  5. ^ a b c Corriere, 13 novembre 1993
  6. ^ AGNELLI JR: 'HO UN TUMORE MI CURANO E CE LA FARO' - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 14 giugno 2021.
  7. ^ 23 anni fa scompariva Giovannino Agnelli, su Mole24. URL consultato il 14 giugno 2021.
  8. ^ a b Walter Veltroni, Veltroni: «Il mio amico Giovannino Agnelli che voleva l’impresa fatta di valori», su Corriere della Sera, 13 dicembre 2017. URL consultato il 14 giugno 2021.
  9. ^ a b c https://www.ilsussidiario.net/autori/emanuele-ambrosio, GIOVANNI ALBERTO AGNELLI/ Morto a causa di un tumore: lasciò la moglie Avery Howe e la figlia Virginia Asia, su IlSussidiario.net, 11 luglio 2019. URL consultato il 14 giugno 2021.
  10. ^ Il Syrah che volle Giovannino Agnelli fa il giro del mondo e colleziona premi - Il Tirreno
  11. ^ Giovannino Agnelli, un addio in silenzio
  12. ^ Corriere, 14 dicembre 1997
  13. ^ Giovannino Agnelli, che non diventò mai presidente della Fiat, su Il Post, 13 dicembre 2017. URL consultato il 14 giugno 2021.
  14. ^ Giovannino Agnelli, tragico prediletto, su FormulaPassion.it, 13 dicembre 2020. URL consultato il 14 giugno 2021.
  15. ^ Archivio Corriere della Sera - 17 novembre 1995
  16. ^ AVERY, UNA MAMMA AMERICANA - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 14 giugno 2021.
Bibliografia
Voci correlate
Altri progetti
Controllo di autoritàVIAF (EN99742752 · ISNI (EN0000 0000 7833 7536 · LCCN (ENno2011019692 · BNF (FRcb12466240m (data) · J9U (ENHE987007594641205171 · WorldCat Identities (ENlccn-no2011019692

The content of this page is based on the Wikipedia article written by contributors..
The text is available under the Creative Commons Attribution-ShareAlike Licence & the media files are available under their respective licenses; additional terms may apply.
By using this site, you agree to the Terms of Use & Privacy Policy.
Wikipedia® is a registered trademark of the Wikimedia Foundation, Inc., a non-profit organization & is not affiliated to WikiZ.com.